L’amore su, l’amore giù, l’amore nelle canzoni, l’amore nelle poesie, l’amore nei libri e nelle pièce di teatro, l’amore nei film, l’amore nelle favole fin da bambini. Ma chissà poi dove sta per davvero. Di me non si è mai innamorato nessuno, nessuno, per fortuna, mi ha mai dedicato una poesia, un biglietto, o una canzone, né mi hanno mai regalato un fiore. Però ho saputo essere anche molto felice, perché alle favole non ho mai creduto. Ho sempre guardato solo all’infinità del cielo e a quel che delle radici degli alberi spunta dalla terra.
Diciamolo alle bambine che possono essere felici, pure senza quella cosa chiamata amore, di cui tanto ovunque si ciancia, ma che è così rara nell’essere umano dal costituire eccezione nelle sue modalità di relazione. Punto. Che possono fuggire da sole dalla torre, rubare un cavallo, imparare a sellarlo, e andare contro il vento. E che forse così incontreranno qualcuno che somiglia a loro.