La vita è un’alternanza di giorno e notte. Quando sei impantanato nella notte fredda e insonne, temi ogni volta che l’alba potrebbe non tornare, dimentichi che invece torna sempre e che torna prima se apri le finestre ed esci nel vento. Poi quando albeggia hai paura, ti sembra tutta troppo più grande di te l’inerzia del dolore e troppo immane quel primo passo da fare per uscire. Invece se riesci a darti un calcio in culo ti ritrovi all’improvviso al centro del giorno. Allora devi tenere attorno a te soltanto la bellezza e il bene e la gioia di tutto quel che ami, devi liberarti con ferocia di tutto ciò che non ti appartiene. Ma non dimenticare mai la notte, altrimenti la troia ritorna. E ti fotte.