Il rancore degli altri avvelena soltanto la discarica del loro cuore. I solitari sono le uniche persone che sanno comprendere e amare l’essere umano. Gli altri semplicemente non sanno stare da soli, hanno bisogno del prossimo. Ne hanno bisogno per avere consenso e approvazione sociale. Quindi l’altro è solo funzione dell’ego, tristemente strumentale. Solo chi sa stare da solo può apprezzare davvero la vicinanza degli altri. Solo chi può farne a meno. Perciò mi fido soltanto del solitario. Solo il solitario ti sceglie davvero, solo il ribelle. Perciò si scrive per loro, un messaggio senza bottiglia che attraversa la discarica per arrivare pulito nell’isola del loro cuore. Chi ha il cuore marcio di buio non lo potrà mai capire, cercherà di corrompere e sporcare le parole col filtro sudicio del proprio vedere. È questo il loro fine. Ma non deve impedirci di comunicare sopra il livello del male.